La Scuola di Editoria

presenta

“L’ispirazione, mistero tra attesa e ascolto”

‘L’ispirazione è molto più democratica del talento, sceglie chi è pronto ad essere attraversato’

Workshop teorico – pratico sul tema dell’ispirazione

con Massimiliano Bardotti ed Eugenia Coscarella

Chi è il poeta, chi è il danzatore, chi è l’artista?

Colui che fa spazio per essere attraversato, essere abitato dall’ispirazione, quella voce capace di parlarci in una lingua segreta, farci sobbalzare come un rumore improvviso, consegnandoci poi qualcosa di perfetto. Nel mistero di un momento emerge, irrompe, è data, se sono disponibile ad accoglierlo e ad esserne canale posso significarlo e renderlo all’umanità. Il corpo è un’antenna capace di captare, ascoltare tale voce, connettersi in questa specie di interferenza, sulla soglia, che ci distoglie dal reale per condurci al vero di un istante. L’accoglienza è possibile in un corpo che si prepara in un’attesa vigile e attiva.

Il workshop si prefigura come un percorso fisico e concettuale atto a:

  • delineare e riconoscere l’ispirazione
  • stimolare e allenare l’attesa e l’ascolto e predisporci alla sua accoglienza
  • fare emergere poesia e movimento attraverso ispirazione reciproca
  • ricercare di modelli di interazione tra poesia e movimento

Il workshop è rivolto a:

  • scrittori, poeti
  • danzatori, coreografi
  • artisti in genere
  • chi nella propria vita o professione voglia indagare il mistero creativo dell’ispirazione

Temi/pratiche:

  • Delineare la figura del poeta, il suo compito e missione, estendendo tali caratteristiche alla figura dell’artista
  • Delineare ispirazione attraverso la tradizione poetica, individuandone gli elementi chiave da riportare e fare emergere poi nell’esperienza corporea
  • Respirazione: entrare in contatto con il proprio soffio vitale per accedere all’atto creativo
  • Ritmo: riconoscere il ritmo creato dal corpo come il battito del cuore, la respirazione per generarlo nella creazione di parola e il movimento
  • Stimolazione canali creativi: pratiche per lo sguardo – ascolto – tatto, derivanti dalla tecnica Feldenkreis, movimento somatico, tecnica della danza contemporanea
  • Processi creativi: scrittura cut up /flusso movimento labaniano

Scarica la brochure

Le iscrizioni scadranno mercoledì 03 giugno 2020

Il laboratorio è a numero chiuso: massimo 15 partecipanti selezionati secondo l’ordine di arrivo delle iscrizioni

Per partecipare occorre iscriversi online (clicca qui) e versare una quota di 100 euro (70 euro per studenti universitari o delle scuole superiori).

Il workshop si terrà presso L’Appartamento, via dei Giraldi, 11 a Firenze, sabato 6 e domenica 7 giugno, nei seguenti orari:

  • sabato 6 giugno 2020: dalle 15,00 alle 18,00
  • domenica 7 giugno 2020: dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 18,30

Bio

MASSIMILIANO BARDOTTI (1976) è nato e vive a Castelfiorentino. Poeta e attore. Pubblica tra gli altri: Il Dio che ho incontrato (2017 Edizioni Nerbini), recensito tra gli altri da Anna Maria Curci. I dettagli minori, (2018 Fara Editore) opera di poesia e prosa dal quale è stato tratto l’omonimo spettacolo teatrale interpretato insieme a Viviana Piccolo. Diario segreto di un uomo qualunque, appunti spirituali(2019 Tau Edizioni) citato da: La libreria del santo e recensito da Elena Buia Rutt sull’Osservatore Romano. Partecipa a festival della letteratura (Verona Accademia Mondiale della Poesia, Festival della Letteratura di Bologna, Crema Poesia a strappo, Chiaramonte Gulfi Sicilia) con spettacoli e reading Dal 2014 idea il corso di scrittura ri-creativa: Cut-up, la sartoria delle parole, condotto a Empoli, Prato e Castelfiorentino, dove nel 2017, fonda la Scuola di scrittura Poetica LA POESIA E’ DI TUTTI presso l’ass. cult. OltreDanza. Dal 2018 conduce: “L’infinito, la poesia come sguardo: Ciclo di incontri con poeti contemporanei” al san Leonardo al palco di Prato. Collabora con i musicisti: “Armonici Ricostruttori”, di Lucca, coi quali partecipa al congresso: “Dopo Babele”, presso dell’Università di Gorizia. Da gennaio 2020 è presidente dell’associazione culturale “Sguardo e Sogno”

EUGENIA COSCARELLA (1987), danzatrice contemporanea, autrice e formatrice, laureata in Arti dello spettacolo all’Università Sacro Cuore di Brescia, con una tesi sull’importanza dell’esperienza artistica per l’essere umano, si diploma in teatrodanza presso la Fondazione Milano Teatro Paolo Grassi. Come danzatrice-performer ha lavorato con Sioned Huws, MK, Gruppo Nanou, Zaches Teatro, Trisha Brown dance company. Trasferitasi in Toscana cura progetti pedagogici legati alla danza e al teatro. Dal 2015 è coreografa e formatrice della compagnia teatrale Passi di Luce. Sviluppa una ricerca personale sulla relazione tra danza e performance collaborando con artisti visivi del territorio tra cui Rachel Morellet e Gloria Campriani e sound artist. Autrice delle performance: Play with Trisha (2014), Il corridoio. Luogo dei passi perduti (2015), Appuntamento al buio (2017), Gift from the sea (2019). Nel 2019 è collaboratrice artistica e formatrice presso il Teatrino dei Fondi. Fonda il progetto P.a.d. research che propone workshop di ricerca sull’interazione tra danza contemporanea e altri linguaggi della performance.

Per informazioni

La Scuola di Editoria

Numero Verde 800 66 18 38

info@lascuoladieditoria.net