La Scuola di Editoria

presenta

“Laboratorio di poesia per giovani e adulti”

a cura di Isabella Leardini

C’è una specie di inchiostro nero che abbiamo in circolo, è fatto di tutte le cose da dire che non sono state dette. Qualche volta trova una strada per uscire, si attorciglia in un foglio, in una nota sul telefono, nel messaggio che stavamo scrivendo; ma più spesso resta aggrappato dentro e stringe un nodo, rimane nascosto in qualche organo vitale. È proprio per dare una forma alle cose senza nome che si prende parte a un laboratorio di poesia.

Perché la poesia ha per sua natura la capacità di trasformare il linguaggio e aprirlo a significati nuovi, permettendo a chi scrive di raccontare e raccontarsi in modo “obliquo”, come in codice, attraverso l’uso di immagini, metafore e analogie.

Questo non è un corso di scrittura creativa, è un metodo per mettere a fuoco ciò che siamo, guardare la nostra vita e decifrare il senso di un destino. Daremo alla poesia lo spazio per nascere, impareremo a estrarla e lavorarla come una pietra, a stupirci nel vederla fiorire e infine a incastonarla, portarla addosso come un amuleto.

Il laboratorio si articola in un percorso in 4 lezioni, più un momento finale da decidere insieme. E’ indicato per persone che scrivono o interessate a scoprire la poesia come strumento espressivo.  Un laboratorio in cui la poesia è anche mezzo per conoscere sé stessi, e scrivere meglio è la conseguenza di una verità guardata con attenzione attraverso il linguaggio.  Nel corso del laboratorio si svolgono esercizi di scrittura.

Le iscrizioni scadranno martedì 04 febbraio 2020

Il laboratorio è a numero chiuso: massimo 20 partecipanti selezionati secondo l’ordine di arrivo delle iscrizioni

Per partecipare occorre iscriversi online (clicca qui) e versare una quota di 100 euro (50 euro per studenti universitari o delle scuole superiori).

Gli appuntamenti si terranno presso Fondazione Et Labora, via della Fonderia 51 a Firenze, dalle 18,30 alle 20,00, nelle seguenti date:

  • giovedì 6 febbraio 2020
  • giovedì 13 febbraio 2020
  • giovedì 20 febbraio 2020
  • giovedì 27 febbraio 2020

Seminario finale: un sabato mattina o  pomeriggio,da concordare insieme con gli allievi.

Temi degli incontri:

- Dire la verità in modo obliquo e riconoscere il talento
- Il silenzio da cui la poesia può nascere e il silenzio in cui la poesia può sparire
- L’elettricità della poesia è una corrente
- Il vento dell’ispirazione e la scintilla della parola.
- La visione uditiva della poesia: lanciare la corda della metafora
- Riconoscere il proprio tu: il destinatario nascosto
- Il lavoro sul testo: scoprire il proprio stile
- Toccare il proprio nodo
- La voce, il ritmo, la partitura della poesia

Isabella Leardini è nata a Rimini nel 1978, ha pubblicato i libri di poesia La coinquilina scalza (Niebo/La vita felice, 2004, IV edizione) edito anche in Spagna, e Una stagione d’aria (Donzelli, 2017) vincitore del Premio Città di Arenzano e finalista premi Castello di Villalta, Camaiore, Onor D’Agobbio. E’ edita in antologie italiane e internazionali, tra cui Les Poètes de la Méditerranée (Gallimard, 2010) e Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi, 2012). Tiene laboratori di poesia e workshop in tutta Italia, ha ideato un metodo di introspezione poetica racchiuso nel saggio Domare il drago (Mondadori, 2018). E’ direttrice del Festival della poesia giovane Parco Poesia.

 

Per informazioni

La Scuola di Editoria

Numero Verde 800 66 18 38

info@lascuoladieditoria.net